Piano alimentare di 1 giorno per sgonfiare (+ come fare un impacco di olio di ricino)

1-Day Flat Belly Plan + Best Foods to Beat Bloating - Hello Glow
37408feaba

Non c’è niente come un caso di gonfiori per renderti completamente infelice. Che sia perché hai mangiato troppo, stai trattenendo l’acqua, il tuo intestino non funziona come dovrebbe o hai la sindrome premestruale, è difficile affrontare la tua giornata quando ti senti come un palloncino.

Quella sensazione scomoda e gonfia è sufficiente per mandare la maggior parte delle persone sul divano per tutta la durata, ma ci sono molti modi semplici e naturali (incluso semplicemente guardare quello che mangi) per sgonfiarsi e sentirsi di nuovo normali.

Quali sono le cause del gonfiore

I sintomi di gonfiore derivano da problemi digestivi (di solito gas o aria nell’addome o un problema associato nel tratto gastrointestinale). Circa il 30% degli adulti ha riferito di gonfiore, ma la maggior parte delle persone con sindrome dell’intestino irritabile (IBS) lo ottiene regolarmente [source].

Ecco alcune delle cause del gonfiore gassoso:

  • Sensibilità agli alimenti FODMAP
  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Troppo zucchero
  • Alimenti altamente trasformati
  • Verdure crocifere e legumi
  • Eccesso di cibo
  • Indulgere in cibi grassi
  • Mangiare troppo velocemente
  • Gomma da masticare
  • Usando una cannuccia
  • Aumentando bruscamente l’assunzione di fibre
  • Inattività fisica o iperattività
  • Stress e ansia emotiva
  • Cambiamenti di altitudine (viaggi aerei)
  • Allergie alimentari
  • Bevande gassate
  • Alcool
  • Stipsi
  • Uso recente di antibiotici
  • Gastroenterite virale recente

Il gonfiore è dovuto a gonfiore o edema e di solito è causato dalla ritenzione di liquidi da sale in eccesso. Alcuni fattori che contribuiscono al gonfiore sono:

  • Ormoni
  • Eccessiva assunzione di sale
  • Alimenti altamente trasformati
  • Seduto o in piedi per lunghi periodi
  • Scarsa funzionalità renale
  • Carenza proteica
  • Contraccettivi orali

Ognuno di questi problemi, o una loro combinazione, può causare quella sensazione terribile.

Se soffri di gonfiore cronico, è una buona idea consultare un operatore sanitario per assicurarti che un problema medico più grande non sia in gioco. Se è un gonfiore occasionale o lieve che ti affligge, evitare determinati cibi e bevande (e rivolgerti ad altri) può aiutarti a sentirti normale e ad abbottonarti i pantaloni di nuovo.

Cosa evitare quando ‘rigonfio

Se la tua pancia si sente gonfia, prenditi un giorno libero da questi cibi e bevande. Questo è complicato perché molti di loro (come cavoli, aglio, cavolfiore e acqua di seltz) sono altrimenti sani. Ma a causa della loro composizione chimica, possono farti sentire peggio quando sei già gonfio.

Se stai trattenendo l’acqua, ti consigliamo di farlo evitare il sale (che è molto difficile da fare se il tuo gonfiore è dovuto alla sindrome premestruale e hai voglia di patatine fritte…)

Carbonatazione può aumentare il disagio, anche se ho scoperto che l’acqua gassata può aiutarti a ruttare, il che può aiutare ad alleviare i sintomi (così signorile, lo so)

Spezie: Pepe nero, noce moscata, chiodi di garofano, peperoncino in polvere

Cibi piccanti (scusa Sriracha)

Limita cipolle e aglio e altro alto FODMAP Alimenti

Condimenti all’aceto come senape, salsa barbecue, rafano, ketchup, salsa di pomodoro

Gomma da masticare

Latticini (ad eccezione dei probiotici come yogurt bianco e kefir)

Tofu e soia prodotti

Verdure crocifere come cavoletti di Bruxelles, broccoli, cavoli, cavoli e cavolfiori (soprattutto crudi)

Legumi come fagioli, arachidi e lenticchie

zucchero e succedanei dello zucchero, in particolare sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (compresi i dolcificanti a base vegetale)

Caffè

Succhi di frutta

Carni lavorate

Cosa mangiare + bere per combattere il gonfiore

Rivolgiti a questi cibi e bevande per aiutarti a sgonfiare:

1. Acqua! Acqua! Acqua!

2. Semi di chia

3. Limone

4. Diuretici come sedano, prezzemolo, lattuga romana, ananas, uva, barbabietole, meloni, cetrioli e asparagi

5. Alimenti ricchi di potassio come piselli, patate dolci, zucca invernale, kiwi e banane

6. Verdure cotte o al vapore (la cottura le renderà più facili per l’apparato digerente)

7. Bevande probiotiche come yogurt, kombucha e kefir [source]

8. Rosmarino, basilico, menta, curcuma

9. Cereali integrali come riso integrale e quinoa (da evitare se il gonfiore è dovuto a un recente aumento dell’assunzione di fibre)

10. Alimenti a basso contenuto di FODMAP [source]

11. Zenzero

Un giorno’vale la pena di ricette sgonfie

Mattina

Acqua infusa: Infondere la tua H2O con frutta, verdura ed erbe ti incoraggerà a bere di più. Riempi una brocca al mattino e sei pronto per la giornata.

Sano budino di semi di chia mela-cannella: Le mele verdi aiutano a regolare l’intestino, mentre la chia e la cannella sono antinfiammatori.

Anguria tropicale, Ananas, e frullato di mango: L’ananas è anche antinfiammatorio (come tutti questi frutti) e aiuta a combattere il gonfiore, e l’acqua di cocco contiene potassio.

Pomeriggio

Fegato + Succo di lavaggio della cistifellea: Sedano, limone e tarassaco forniranno una tonnellata di antiossidanti e nutrienti antinfiammatori e ti aiuteranno a reidratarti. Ometti il ​​limone se l’acido ti sconvolgerà di più lo stomaco.

Zuppa di zucca cremosa vegana: Questa zuppa vegana si sta riempiendo ma non ti farà sentire ancora più gonfio. Aggiungi alcuni cracker di riso e barbabietole o carote al vapore/arrostite sul lato, se lo desideri.

Budino di Chia al cocco: Per un dessert gustoso e cremoso, senza il rigonfiamento dei latticini, prova questo delizioso budino al cocco ricco di proteine ​​e salutari omega-3.

Serata

Involtini di pollo allo zenzero e lattuga con tzatziki: La dolcezza romana, combinata con zenzero antinfiammatorio, cetrioli idratanti e yogurt ricco di probiotici, rende un pasto sostanzioso ma lenitivo. Aggiungi un lato di riso o quinoa per più sostentamento.

Frullato probiotico con Kefir: Rimetti in carreggiata la tua digestione con questo frullato probiotico salato idratante.

Tè alla curcuma: Bere questo prima di coricarsi per decomprimere e degonfiare.

Modi naturali per sgonfiare

Potresti non voler sentire questo, ma… l’esercizio è un ottimo modo per de-gonfiarsi. Inoltre, quell’aumento di serotonina non ha prezzo, il che è un vantaggio se sei CWB (crabby quando gonfio) come me. Non c’è bisogno di correre una maratona, però. Solo qualcosa di basso—una breve sessione di yoga o un po’ di gioco attivo con i bambini—lo farà.

Ottenere un massaggio può anche essere un ottimo e rilassante modo per alleviare la ritenzione di liquidi. Evitare temperature estreme se possibile. Se stai trattenendo liquidi nelle caviglie o nei piedi, sollevali sopra il cuore.

Un altro modo per sgonfiare è fare un impacco di olio di ricino. La leggenda (e prove aneddotiche) narra che questo semplice rimedio casalingo aiuta a muovere tutto attraverso il fegato e l’intestino, guarisce l’infiammazione, migliora la circolazione, ti rende più regolare e aiuta la funzione linfatica. Me ne ha parlato un naturopata, che ha cambiato seriamente la mia vita.

Come fare un impacco di olio di ricino

Importante: Non dovresti fare un impacco di olio di ricino se sei incinta o hai le mestruazioni. Durante il periodo premestruale i crampi vanno benissimo, però. Se i tuoi periodi sono irregolari, potresti anche scoprire che fare occasionali impacchi di olio di ricino può aiutarli a diventare più coerenti.

Forniture necessarie

  • Olio di ricino: assicurati di utilizzare una varietà spremuta a freddo come questo
  • Flanella: puoi tagliare un pezzo di flanella pulita, lana o cotone o acquistarne uno simile questo e taglialo in un quadrato abbastanza grande da coprire l’addome o l’area del fegato. (Di solito vado con un pezzo da 5 “x 5”.)
  • Borsa dell’acqua calda o termoforo
  • Barattolo o piatto di vetro
  • Un vecchio asciugamano grande (potresti averne bisogno 2)
  • Involucro di plastica o un sacchetto di plastica: avrai bisogno di qualcosa di più che coprire il tuo quadrato di flanella.

*TMI, ma di solito mi spoglio per farlo. Se questa non è un’opzione, indossa vestiti che non ti dispiacerà macchiarti di olio di ricino. Si macchia!

Istruzioni

1. Sistema l’asciugamano sotto il punto in cui ti siedi o ti sdrai: sul divano, sul pavimento, sul letto o sulla sedia.

2. Accendi il termoforo (il calore medio va bene) o prepara la borsa dell’acqua calda.

3. In un barattolo o piatto di vetro, immergi la flanella in un cucchiaio di olio di ricino alla volta finché non è abbastanza satura ma non inzuppata.

4. Sdraiati sugli asciugamani e posiziona il lato saturo di olio di ricino del quadrato di flanella sull’area interessata. Puoi metterlo sull’addome o sul fegato (appena sotto il seno destro). Piega il tessuto in più.

5. Metti l’involucro di plastica o il sacchetto di plastica sulla flanella, assicurandoti che tutta la flanella e l’olio siano coperti.

6. Metti la borsa dell’acqua calda o il termoforo sopra la plastica e lascia riposare per 45-60 minuti mentre ti rilassi, leggi o guardi la TV. (Mi appoggio su una sedia per farlo mentre mi riaggiorno su tutti gli articoli che ho aggiunto ai segnalibri durante la settimana.

7. Rimuovere la confezione e metterla da parte delicatamente su un lavandino o un asciugamano.

8. Di solito faccio un impacco di olio di ricino subito prima di fare la doccia, ma puoi pulire l’area con acqua e un po’ di bicarbonato di sodio per rimuovere l’olio.

9. Conserva la confezione di olio di ricino in un sacchetto di plastica o in un barattolo di vetro nel frigorifero o in un altro luogo fresco e asciutto. Puoi riutilizzarlo circa 5-10 volte prima di crearne uno nuovo, basta aggiungere un po’ più di olio la prossima volta.

Il mio naturopata mi ha consigliato di fare un impacco all’olio di ricino tre sere consecutive a settimana (per un massimo di un mese) durante i periodi intensi di gonfiore.

In questo momento, li faccio due sere a settimana due volte al mese, e sono sicuro di sentire la differenza i giorni dopo averne fatto uno! Mi sveglio con più energia e mi sento decisamente meno gonfio e leggero.

Hai mai fatto un impacco di olio di ricino? Cosa hai pensato?

Questo post è stato esaminato dal punto di vista medico dal Dr. Kimberly Langdon, MD, un ostetrico/ginecologo di formazione universitaria con 19 anni di esperienza clinica. Scopri di più sui revisori medici di Hello Glow qui. Come sempre, questo non è un consiglio medico personale e ti consigliamo di parlarne con il tuo medico.

212

37408feaba