Intervista a Emma Guns: Lockdown con Wendy Rowe

Intervista a Emma Guns: Lockdown con Wendy Rowe
37408feaba

Credito immagine @ Inez & Vinoodh per Vogue Italia

Qualcosa che amo del mio lavoro sono tutte le diverse persone che incontro e da cui imparo. Questo è qualcosa che ho in comune con Emma Gunavardhana, emittente e conduttrice Lo spettacolo di Emma Guns. Di recente ho registrato un episodio con Emma per parlare della mia carriera e di tutte le cose Fattore massimo, e mi è piaciuto molto chiacchierare con lei. Qui, oltre a condividere l’episodio in modo da poterlo ascoltare, ho pensato di cogliere l’occasione per chiedere a un’altra farfalla sociale come sta affrontando l’attuale situazione di lockdown.

È possibile scaricare l’episodio su Mela o Un cast quindi fatemi sapere cosa ne pensate!

Emma Guns e Wendy Rowe

Domande e risposte: #Resta a casa con Emma Guns

D: Come ti sembra l’attuale situazione di #stayhome?

UN: Ovviamente è un po’ diverso da quello a cui sono abituato, ma vivo da solo, lavoro per me stesso e ho un ufficio a casa, quindi il passaggio al blocco non è stato troppo stridente. Certamente non è stato un cambiamento così importante come hanno sentito alcuni dei miei amici, che ora stanno studiando a casa e stanno ancora cercando di rimanere al passo con il lavoro.

D: Qual è per te la cosa più fastidiosa che le persone stanno facendo sui social media in questo momento?

UN: Cerco di non interagire con nulla che trovo fastidioso: ecco a cosa serve il pulsante muto. Qualcuno mi ha detto qualche tempo fa che il tuo feed di Instagram dovrebbe essere un flusso di immagini che ti rendono felice. Non appena ho iniziato a guardarlo in quel modo, ho scoperto di potermi divertire molto di più.

Credito immagine @ Inez & Vinoodh per Vogue Italia

D: Come stai in salute a casa?

UN: Mi piace allenarmi, quindi mi assicuro di fare tre allenamenti a settimana a casa con i pesi e poi di integrare con lo yoga e le passeggiate nel parco. Vivo anche io Il libro di Ian Haste The 7 Day Basket per essermi assicurato di nutrirmi con il cibo più incredibile, fresco e delizioso. Ma il suo libro mi ha anche fatto innamorare davvero della cucina da zero ogni sera: non è così disordinato o dispendioso in termini di tempo come pensi, e la ricompensa è un pasto davvero delizioso.

D: Il tuo cibo preferito in quarantena?

UN: Adoro un biscotto Rich Tea con una tazza di tè nel pomeriggio. Niente lo batte. A parte forse due biscotti Rich Tea…

Credito immagine @ Inez & Vinoodh per Vogue Italia

D: Qualche consiglio per lavorare da casa?

UN: È così importante avere un programma, credo. Svegliati alla stessa ora e cerca, ove possibile, di andare a letto tutti i giorni alla stessa ora. Inoltre, preparati per il lavoro. Vestiti per il lavoro, truccati e pettinati. Non importa che nessuno ti veda (a parte tramite una videochiamata) lo stai facendo per te.

D: Qualche consiglio per allenarsi da casa?

UN: Posso solo dirti cosa funziona per me ed è scrivere circuiti che faccio nel mio soggiorno. Ho una palla bosu, circa 5 kg di pesi liberi, un kettlebell da 20 libbre e un tappetino da yoga e con quello posso fare molto. Ho tre allenamenti, uno per la parte inferiore del corpo, uno per la parte superiore del corpo e uno per il core. Faccio ciascuno di questi una volta alla settimana e sono solo 30 minuti e mi fa sentire benissimo.

D: Come possiamo prenderci cura della nostra salute mentale e del nostro benessere in questo periodo?

UN: Sono un grande fan del respiro e seguo Wim Hof ​​e faccio i suoi esercizi di respirazione ogni giorno. Mi piace anche lo yoga per rallentare il mio corpo e il mio cervello. Penso che la cosa più importante sia essere gentili con te stesso. Stiamo attraversando un enorme periodo di cambiamento, confusione e incertezza e se questo significa che un giorno vuoi ripulire gli armadi della cucina e un altro giorno vuoi semplicemente sederti e guardare Netflix, fallo e basta. Assicurati solo di uscire una volta al giorno per prendere una boccata d’aria fresca e per muoverti.

Credito immagine @ Inez & Vinoodh per Vogue Italia

D: Cosa ti ha davvero salvato?

UN: Ho un’intera libreria di libri che avevo intenzione di leggere, ma avere più tempo a casa mi ha permesso di iniziare a lavorarci su. Uso le pause di lettura per concedermi una pausa dal computer e dal lavoro, per separare la giornata dal lavoro alla sera e anche come distrazione quando non sono proprio dell’umore giusto per la TV. È così bello che avrò così tanti libri da trasmettere quando saremo fuori dal blocco.

D: Cosa stai cercando sui social media cosa ti rende felice?

UN: Ho alcuni account di meme che seguo che mi fanno davvero ridere. @_sohomo, @garyjanetti e @dj_fattony ci sono altri come loro sono un bel po ‘divertente da far apparire quando controlli il tuo telefono.

Credito immagine @ Inez & Vinoodh per Vogue Italia

D: Abbiamo tutti giorni buoni e cattivi, che aspetto ha per te una brutta giornata? E che bella giornata?

UN: Una buona giornata di solito inizia presto quando posso alzarmi dal letto e tutto dipenderà dagli ormoni, da quello che ho mangiato il giorno prima e simili, ma ho sempre quella sensazione di correre a terra e quei giorni sono sempre produttivi. Hanno sempre una struttura. So cosa sto facendo ora per ora e sto spuntando le attività, quindi è sempre utile avere un blocco note su cui puoi scrivere una lista di cose da fare. L’elenco può essere “fai il letto”, “fai un caffè”, quindi non è affatto difficile, ma una volta che inizi a sfogliarli ti senti benissimo.

Una brutta giornata è solo un giorno in cui ho bisogno di essere più lento, riposare, magari occupare la mia mente con altre cose come un compito metodico che mi permette di staccare la spina ed essere produttivo allo stesso tempo (organizzare qualsiasi cassetto o credenza è ottimo per questo ).

Ho davvero notato il sollievo di non avere sempre quella “pressione” per essere da qualche parte, fare qualcosa o semplicemente essere su richiesta. Prima di pensare, sentivo che se mi sedevo e leggevo un libro per mezz’ora stavo perdendo tempo, ma ora lo vedo importante quanto una mattinata di e-mail o correre a una riunione. È un ritmo diverso e anche se ci vuole un po’ per adattarsi, mi piace abbastanza.

Dai un’occhiata allo spettacolo di Emma Guns qui

LEGGI SUCCESSIVO: 5 consigli per essere più sani in questo momento | Come non lasciare che lo stress influisca sulla tua pelle

© Wendy Rowe. Tutti i diritti riservati.

37408feaba