Come entrare in sintonia con la tua saggezza interiore con i tarocchi

How to Tune into Your Inner Wisdom with Tarot Cards
37408feaba

C’è stato un tempo in cui le carte dei tarocchi o dell’oracolo erano considerate gli strumenti occulti di mistici e streghe. In anni più recenti, si sono fatti strada nella cultura tradizionale con sorprendente accessibilità e rilevanza. Studi di yoga e negozi di alimenti naturali (e praticamente ovunque puoi acquistare cristalli e fagotti di salvia!) sono ora fornitori regolari dei mazzi più belli e stimolanti, molti dei quali sono progettati da artisti indipendenti e divergono da quelli più tradizionali (leggi: immagini spesso sessiste e talvolta spaventose!).

Molte persone presumono che per usare i tarocchi o l’oracolo devi avere qualche dono divino o un addestramento specializzato, ma a dire il vero tutto ciò che serve è la capacità di ascoltare il tuo intuito e di fidarti dei tuoi sentimenti istintivi. In una società come la nostra, che tende a sottolineare l’importanza di guardare al mondo esterno per guidare le nostre scelte e azioni, possiamo inavvertitamente intorpidire la nostra connessione con la nostra voce interiore. Leggere le carte può essere un esercizio profondo per riconnettersi con i messaggi più sottili del sé e le cose che sappiamo essere vere nel profondo. Ho passato gli ultimi anni a conoscere i tarocchi e ora li cerco quotidianamente per avere una guida e aiutarmi a sintonizzarmi con la mia saggezza interiore. Nel processo, sono diventati una parte essenziale della mia routine di cura personale.

Come usare i tarocchi per la saggezza interiore

I mazzi di tarocchi hanno settantotto carte, ognuna con un significato generalmente concordato, e sono spesso usate negli spread e nella divinazione. Ventidue sono carte degli Arcani Maggiori (eventi e temi importanti che hanno un impatto maggiore sulla tua vita o che potrebbero essere più legati karmicamente al tuo percorso) e cinquantasei sono carte degli Arcani Minori (riguardanti gli affari quotidiani, le azioni quotidiane), che sono ulteriormente divisi in quattro semi, proprio come le carte da gioco (spade, pentacoli, coppe e bacchette).

Se sei curioso e vorresti provare a leggere le carte, dovrai prima trovare un mazzo che si adatti al tuo stile e alle tue intenzioni. Vuoi un mazzo tradizionale con immagini classiche come il Rider-Waite (pensa agli uomini con la spada per rappresentare il conflitto, uno scheletro su un cavallo che simboleggia la morte), o qualcosa di più allineato con il femminile divino come il Tarocchi della dea? Risuoni con carte intrise di simbolismo in modo che ci sia ricchezza di contenuti da scoprire, come il Thoth o il Tarocchi d’oroo preferisci usare le carte con una semplice immagine per guidarti, come la bella Selvaggio sconosciuto ponte? Ci sono così tante opzioni, ma è importante lavorare con un mazzo che ti piacerà e con cui sentirai una connessione positiva.

I mazzi Oracle, al contrario dei tarocchi più strutturati, possono avere un numero qualsiasi di carte e attingere a simboli e archetipi diversi per trasmettere i loro messaggi e significati. Alcuni mazzi oracoli fanno riferimento ad animali spirituali, mentre altri possono concentrarsi su uccelli, cristalli, dee, angeli o persino artisti famosi! Questi mazzi possono essere davvero innovativi e divertenti e, poiché sono piuttosto semplici, sono un’ottima scelta per una semplice guida alle carte al giorno o per i principianti.

Una volta scelte le carte, considera di piegarle in una pratica di consapevolezza regolare, all’inizio o alla fine della giornata. Trova uno spazio pulito e sgombro per conservare le tue carte, magari incastonandole con alcuni dei tuoi cristalli preferiti. Se le sbavature sono la tua passione, libera l’aria prima di leggere. Fai dei respiri profondi e concentrati sulla tua domanda o intenzione. Sapere cosa chiedere e come chiederlo è importante. Consiglierei di evitare l’approccio della predizione del futuro e di evitare domande sì/no perché il significato delle carte è così vario e complesso.

Inoltre, ricorda che il futuro è fluido e siamo liberi di fare le nostre scelte: le azioni che intraprendi dopo ogni lettura possono alterare i risultati delle previsioni. Guarda invece alle carte come fonte di potenziamento e considera le domande che potrebbero guidarti verso azioni positive e quelle che ti ispirano a seguire il tuo istinto.

Se ti senti connesso all’idea di un’energia universale o di uno spirito guida, potresti anche vedere la tua lettura quotidiana come un modo per ascoltare le tue guide o per allinearti con il tuo sé superiore o migliore. Quando passo alle mie carte, mi sento come se stessi ascoltando la donna saggia dentro di me e sono in grado di trovare conforto sintonizzandomi con messaggi che incoraggiano passi avanti nella direzione della crescita e della guarigione.

Ecco alcune domande che potresti prendere in considerazione per porre le tue carte:

  1. Dove devo concentrare più energia in questo momento?
  2. Quale schema stantio o energia stagnante mi sta trattenendo e impedendo la mia crescita?
  3. Quale messaggio dovrei ricevere oggi?
  4. Cosa vuole portare la mia intuizione alla mia mente cosciente in questo momento?
  5. Quale linea d’azione è più allineata al mio io migliore e al mio benessere generale?
  6. In che modo l’azione X potrebbe influenzare le persone a me più vicine?

Mantieni le tue domande semplici, fidati della tua comprensione e torna alla guida che hai ricevuto durante la giornata. Ed ecco un altro consiglio: non indovinare la tua carta e supponi di aver “tirato male”. Scava più a fondo per la connessione e il messaggio verrà rivelato. Ci sono stati alcuni casi in cui ho fatto una domanda e ho tirato fuori una carta che ritenevo insoddisfacente: ho sostituito la carta e ho rimescolato, solo per pescare di nuovo la stessa carta… tre volte di seguito! Fidati che il primo è quello giusto.

Una volta che hai deciso la tua domanda, mescola il tuo mazzo finché non senti che è giusto fermarti e seleziona la tua carta. Trascorri del tempo con le immagini, prendi appunti sui pensieri che ti vengono in mente. Nota cosa provi mentre guardi la carta. Cosa sai istintivamente dei simboli e come potrebbero i tuoi sentimenti o reazioni istintive alla carta avere qualcosa da dirti? Quando peschi carte come Morte o La Torre, ricorda che le carte non sono letterali, e che sono messaggi di cambiamento, e di una necessaria crescita e lasciar andare. Ho imparato nel tempo a non temere nessuna carta, che i loro significati sono spesso sottili e incoraggiano la riflessione. Se hai il bisogno di scoprire gli elementi più sfumati delle carte, c’è una grande quantità di informazioni online (siti web, blog e forum) e libri per aiutarti.

Un altro modo in cui potresti voler utilizzare le tue carte è incorporarle in un “protocollo di manifestazione”. Proprio nel modo in cui una bacheca di visione può aiutarti a concentrare l’energia verso i tuoi obiettivi, puoi selezionare una carta che incarna una qualità che vorresti incoraggiare di più nella tua vita (molto simile a un’affermazione) e posizionarla da qualche parte speciale dove lo vedrai e potrai trascorrere del tempo con i sentimenti che evoca. Quando ho attraversato la mia separazione, per esempio, ho esposto la carta Forza. L’immagine della donna che doma il leone è stata potente per me. Era come una voce dentro che sussurrava “sii forte” ogni volta che lo vedevo. Se usate in questo modo, le carte possono incoraggiare cambiamenti positivi e guarigione nelle nostre vite.

Se sei stato curioso dei tarocchi, ma hai avuto paura di “tirare la carta della morte” (quello ero io una volta!), sappi che hanno il potenziale per diventare una componente creativa del tuo piano di auto-potenziamento. Lascia che servano a ricordare che sei un agente del cambiamento piuttosto che una vittima passiva del destino. Usa le carte come esercizio per fidarti di te stesso e della tua verità. È come alzare le antenne verso l’universo e sentire più chiaramente i saggi sussurri all’interno.

56

37408feaba